Acquista la PEC

Registrala a partire da 15€

@legalmail.it

Le Notizie ← Torna alla news

30-03-2017

Fallimento - Notifica valida anche per chi non apre la pec

Cassazione ordinanza n. 7390/2017

immagine-fallimentare-300x200.png

La Cassazione ha stabilito, con l'ordinanza n. 7390/2017, depositata il 22 marzo scorso (qui sotto allegata) che non aprire la pec, o aprirla tardivamente, non rileva ai fini della validità della notifica, la quale è basata sul principio di conoscibilità dell'atto secondo il criterio di ordinaria diligenza del destinatario, rigettando il ricorso proposto da una società avverso il rigetto della corte d'appello del reclamo proposto contro la sentenza dichiarativa di fallimento emessa dal tribunale. La società proponeva ricorso per cassazione lamentando la nullità della sentenza in virtù del fatto che il giudizio prefallimentare si era svolto in assenza di contraddittorio, attesa l'inidoneità della notifica del ricorso e del decreto di convocazione a mezzo pec "a garantire un effettivo esercizio del diritto di difesa".

La notifica del ricorso di fallimento e del decreto di fissazione, pacificamente avvenuta a mezzo
PEC, nei termini previsti, ma conosciuti dalla società solo dopo la data della comparizione,
giacchè la stessa aveva tardivamente provveduto all'effettiva apertura della casella di posta
certificata, precisano, infatti, "non compromette il diritto di difesa della fallenda atteso che, come
correttamente osservato dalla Corte territoriale, sia la notifica al domicilio sia quella telematica si
fondano sullo stesso principio di fondo che è quello della conoscibilità dell'atto secondo un
criterio di ordinaria diligenza del destinatario (circa il costante controllo degli atti ricevuti presso il
domicilio reale o telematico)".

Da qui il rigetto del ricorso e la condanna alle spese di giudizio. Cassazione, ordinanza n. 7390/2017